AVVENIMENTI ANNO 2006

9 giugno 2006 – Un incendio minaccia il castello di Cerro al Volturno,Numerosi i volontari del posto che hanno collaborato con le forze dell’ordine per spegnere l’incendio.
29 dicembre 2006 -Triangolare di calcio interregionale a Cerro al Volturno.Vince la squadra di Montaquila (IS).

AVVENIMENTI ANNO 2007

14 maggio 2007 -Incontro dibattito alle ore 16,30 nell’aula dell’Istituto comprensivo Dante Alighieri, sul bullismo.
  25 maggio 2007 – Atterra sul campo sportivo di Cerro al Volturno La madonna di Fatima. La statua viene portata nella chiesa di SS Pietro e Paolo . La Madonna riparte il giorno 27 accompagnata da una fiaccolata.
Festa del Pane a Cerro al Volturno (IS). Come ogni anno si è rinnovata a Cerro al Volturno la “Festa del Pane” con grande soddisfazione dei partecipanti.
15 settembre 2007- Il gruppo Isernina Sottotiro” si è esibita a Cerro al Volturno con successo.
 29 dicembre 2007 – ore 21,30 Concerto di Natale, organizzato dalla Parrocchia di S. Maria Assunta, nella chiesa di SS Pietro e Paolo con la partecipazione del coro delle “Nuove Muse”

AVVENIMENTI ANNO 2008

31 gennaio 2008 - A Cerro gli studenti hanno celebrato la Giornata della non violenza.
Cerro al Volturno – Dopo le riflessioni del 27 gennaio su uno degli avvenimenti più drammatici della storia, lo sterminio degli Ebrei, gli alunni e i docenti dell’Istituto Comprensivo hanno celebrato la Giornata Internazionale della Non Violenza (30 Gennaio) proclamata dall’ONU, nell’ambito delle manifestazioni relative all’Anno Internazionale della Pace e della Non Violenza. Nell’Aula Magna dell’Istituto gli alunni, riuniti in tre cerchi concentrici, a rappresentare, in un girotondo di pace, i tre ordini di scuola (infanzia – primaria – secondaria di I° grado), hanno cantato, alla presenza del dirigente scolastico A.R. Morelli, l’ “Inno della Pace” ed hanno recitato l’ “Inno alla Vita”di Madre Teresa di Calcutta. A ricordo della Giornata, gli alunni hanno decorato una pergamena che il dirigente ha esposto nei locali dell’Aula Magna. “E stato un modo” – hanno riferito gli insegnanti –“ per sostenere e difendere, attraverso le attività scolastiche quotidiane, nell’abituale luogo di apprendimento e di gioco degli scolari, i valori di amicizia, di dialogo, di solidarietà, oggi ferocemente minacciati da un’escalation di violenza” e hanno ricordato l’atto di intolleranza ,da parte dell’Università La Sapienza ,verso il Pontefice, il turpiloquio dei parlamentari, avvenuto nella massima sede istituzionale, i roghi e i gesti inconsulti dell’emergenza rifiuti in Campania. “Il piacevole momento didattico di convivialità ha inteso essere” – hanno sottolineato i docenti – “una serena risposta a quanti ritengono la scuola unica responsabile del decadimento di valori e del caos comportamentale dei giovani d’oggi e ha voluto significare un sommesso invito, a tutte le componenti sociali, a non accusare solo le istituzioni scolastiche, ma a riflettere, invece, su molteplici fattori: lo sfaldamento dell’unione familiare, la mistificazione mediatica dei modelli di vita, l’eccessivo individualismo e la dilagante irresponsabilità”. Fonte @altromolise 

3 marzo 2008- Il concerto per la pace.
Notevole successo di pubblico e di critica per il “Concerto per la Pace” che ha visto protagonisti gli alunni di classe V Primaria dell’Istituto Comprensivo. Gradevole e suggestiva la scenografia allestita intorno all’altare della Chiesa SS Pietro e Paolo, ai piedi del quale gli alunni si sono esibiti in un repertorio di canti classici sull’amicizia e sulla pace. Su un grosso pannello, infatti, montato alle spalle dell’altare barocco, si leggevano il titolo del progetto in cui il concerto rientra, “IO + TE = NOI” e la frase “W la Pace” scritta con lettere ritagliate da un sacco di iuta. Sull’altare stesso, poi, faceva bella mostra di sé l’Albero della Pace – progettato e realizzato dagli alunni e dagli insegnanti di classe V – formato da arbusti spogli, dipinti con i colori della pace, sui quali poggiavano nidi con passerotti multicolori e farfalle con i colori dell’arcobaleno. Accanto all’albero una grossa gallina in ceramica, poggiata su paglia, custodiva uova vere, a simboleggiare il dono della vita. I canti degli scolari sono stati, infatti, intervallati da riflessioni sull’importanza della vita, sull’aborto, sui pericoli che possono derivare da intolleranza e da assenza di dialogo, sulla violenza di ogni genere di cui tanti bambini sono vittime. Esse hanno puntato l’attenzione su alcuni problemi che sconvolgono l’Italia di oggi: l’emergenza rifiuti di Napoli, il turpiloquio recentemente avvenuto in Parlamento, il rifiuto dei professori della Sapienza di Roma ad ascoltare le parole del Pontefice. Presenti al concerto il dirigente scolastico A. i, il parroco Don Ennio L., molti amministratori locali, il presidente della Squadra del cuore, il presidente dell’Associazione Combattenti e Reduci , il presidente del Consiglio d’Istituto e il Provveditore agli studi – sempre sensibile alle richieste di docenti e famiglie – la quale ha avuto parole di elogio “per gli alunni che hanno cantato e per la scelta dei testi e delle riflessioni espresse, assicurando il suo impegno a tutelare e a salvaguardare dai tagli ministeriali la scuola di Cerro e la scuola di montagna in generale”. Il Progetto di Educazione alla Pace – in cui l’evento musicale è inserito – ha ricevuto il Patrocinio della REGIONE MOLISE, concesso dal Presidente e del Comitato Provinciale di Isernia per l’UNICEF. Fonte @altromolise 

 5 maggio 2008- Settimana della pace, grande festa a Cerro al Volturno.
Si è conclusa gioiosamente la Settimana della Pace – fase conclusiva del Progetto di Educazione alla Pace, realizzato dall’Istituto Comprensivo – che ha visto eventi prestigiosi. Iniziata il 28 aprile con la Marcia della Pace per le vie di Cerro, inondate di bandiere e girandole della pace – alla quale hanno preso parte tutte le scolaresche dell’Alto Volturno, i sindaci di Cerro, Rionero, Rocchetta a Volturno , i parroci di Cerro e il dirigente scolastico dell’Istituto. – ha visto il momento culminante con un Convegno sulla Dichiarazione Universale dei Diritti del Fanciullo tenuto da illustri relatori: il vescovo della diocesi Isernia-Venafro, il giudice della Corte d’Appello di Campobasso, il Provveditore agli studi e il presidente dell’Unicef Isernia. Durante il convegno sono state fatte profonde riflessioni sulla violazione dei fondamentali diritti del bambino che avvengono in alcuni Paesi del mondo. Violazioni e discriminazioni che avranno fine solo quando – ha concluso il vescovo – si comincerà “a parlare di amore e non di diritto”. La Settimana è proseguita all’insegna della “Giornata dell’Albero”, con la piantagione di 15 piante, fornite dalle Guardie Forestali, nello spazio circostante l’edificio scolastico. Nella mattinata del 30 gli alunni delle classi V,accompagnati da docenti,genitori e dal parroco Don Ennio , sono partiti per Roma,in udienza dal Papa ,al quale hanno donato una copia del Progetto di Educazione alla Pace e lavori artigianali in decoupage anticato riproducesti il paesaggio cerrese. Emozione e commozione hanno sorpreso tutti al saluto del Pontefice per “scolari ed insegnanti dell’Istituto Comprensivo D. Alighieri di Cerro al Volturno”. Densa di riflessioni la visita alle Grotte Vaticane, all’Altare della Patria, al Museo del Risorgimento. Il 2 maggio le scolaresche hanno avuto un incontro con l’UNICEF di Isernia ed hanno assistito alla proiezione del celebre filmato – noto per aver avuto la voce del calciatore più famoso della Roma – “L’isola degli smemorati”che “ricorda quali sono i diritti di tutti i bambini del mondo. Nella gioia che solo lo sport può regalare la Settimana si è conclusa al centro sportivo con una competizione amichevole di pallamano, organizzata dal CONI, tra i sei plessi dell’Istituto. Il Progetto proseguirà il prossimo anno scolastico con altre significative esperienze per gli alunni che hanno dimostrato di aver interiorizzato le finalità del Progetto, in diverse occasioni didattiche, in particolare quando, sotto il sole cocente di Piazza S. Pietro a Roma, si cercava uno slogan di saluto per il Papa ed essi hanno proposto “Noi siamo i ragazzi della Pace”. Fonte @altromolise

 26 giugno 2008 - Avvistato a Cerro al Volturno un orso bruno marsicano.
Un magnifico esemplare di orso bruno marsicano, non adulto ma già di grosse dimensioni, è stato avvistato intorno alle 21.30 di mercoledì scorso in prossimità delle ultime abitazioni in località San Vittorino di Cerro al Volturno. Addossato ad un albero di ciliegio, l’eccezionale incontro con l’animale, evidentemente affamato, è stato segnalato dal responsabile provinciale della vigilanza ittico- venatoria della Federcaccia. Il vigilante – racconta ancora con palpabile emozione – procedeva lentamente su un fuoristrada in compagnia di amici lungo la stradina che dall’abitato conduce in località Monte Santa Croce, ove solo da pochi giorni è stato sistemato un recinto di pre – ambientamento per leprotti a cura dell’A.T.C. n. 3 della Provincia di Isernia. Alla vista della grossa sagoma scura intorno all’albero sono seguiti una iniziale sorpresa – per la prima volta un esemplare simile “sconfina” dal Parco in un territorio, Cerro al Volturno, attualmente non incluso neanche in una zona pre-parco – ed un tentativo fallito di fotografare l’orso, che per nulla intimorito ha preso a muoversi con una certa velocità dinanzi al fuoristrada, puntando dritto verso un anfratto ma volgendo ripetutamente indietro il capo verso i suoi sbalorditi avvistatori. Pochi minuti per consumare un momento di rara bellezza – così come hanno riferito – ma anche motivo per sensibilizzare le autorità preposte – Regione Molise, Provincia e Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise – a che anche il comune di Cerro al Volturno possa entrare a pieno titolo tra le zone di protezione e tutela del Parco. Fonte @altromolise   

13 agosto 2008- Cerro al Volturno
Si è conclusa la quarta edizione della festa del pane. Un grande successo che è andato oltre ogni più rosea aspettativa. Soddisfatti i componenti del comitato promotore ed il consigliere provinciale Vincenzo .”Un grazie va ai collaboratori e volontari che ci hanno dato una mano”. Si è conclusa nella serata di ieri la quarta edizione della festa provinciale del pane. Il vero protagonista di questa tre giorni è stato uno degli alimenti più utilizzati e presenti sulle nostre tavole, considerato il principe della dieta mediterranea. Ancora una volta a Cerro, grazie all’operato del comitato promotore dei festeggiamenti guidato da Michele e dall’instancabile impegno del consigliere provinciale Vincenzo , il tutto si è concluso nel migliore dei modi. Un primo bilancio, che in seconda battuta verrà analizzato più approfonditamente, che parla di migliaia di turisti e cittadini del posto che hanno affollato il popoloso centro volturnense per tutte e tre le serate di eventi. Una tre giorni caratterizzata da un mix di cultura, aggregazione sociale, divertimento e promozione turistica dell’intera Valle del Volturno. Molto apprezzati anche gli spettacoli musicali con vari generi che si sono susseguiti sul palco allestito in piazza Giacomo Sedati. Per l’occasione anche il centro storico del paese si è vestito a festa con gli angoli più caratteristici illuminati e visitati da centinaia di persone, soprattutto il castello Pandone. L’odore del pane ha inebriato l’aria cerrese, caratterizzata da una brio tutto particolare. Anche l’artigianato locale si è messo in mostra grazie alla presenza di stand espositivi allestiti in piazza. Naturalmente l’aspetto più rimarcato è stato quello culinario, con l’abbinamento del pane affiancato a qualsiasi tipo di alimento. Insomma, una vera e propria gara di bontà. I prodotti offerti sono andati letteralmente a ruba e gli organizzatori si sono dimostrati ancora una volta ben capaci di gestire un evento che ogni anno assume una portata maggiore. Va detto che l’edizione 2008, oltre ad essere stata inserita dalla Provincia nel festival della arti popolari denominato “Terre in moto”, ha assunto particolare rilievo per essere stato immesso in un particolare percorso turistico e gastronomico. Soddisfatto dell’andamento complessivo della manifestazione, anche il patron dell’evento, Vincenzo , che ha speso parole di ringraziamento per tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione, dalle massaie ai giovani collaboratori e volontari, per terminare con le istituzioni e gli sponsor. Fonte: Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

31 ottobre 2008 - Dimissioni di massa, cade il sindaco di Cerro al Volturno
Nella notte tra il 30 e 31 ottobre, infatti, i  consiglieri di minoranza , unitamente ad un consigliere di maggioranza , distaccatosi pubblicamente dal Sindaco hanno maturato la decisione di decretare la fine della III legislatura di Cerro al Volturno, presentando simultaneamente al protocollo comunale nella mattinata odierna le proprie dimissioni comunicando il tutto anche al Prefetto. E così il paese è di nuovo commissariato…ricordiamo che già nel 2005 la minoranza , più tre consiglieri di maggioranza decretarono la fine della II legislatura. Fonte @altromolise

Il prefetto di Isernia, ha nominato il commissario prefettizio incaricato della gestione del Comune di Cerro al Volturno fino alle elezioni che si terranno nella prossima primavera. L’incarico è stato affidato a Stefano , capo di Gabinetto della Prefettura di Isernia. Il Consiglio comunale e il sindaco sono decaduti per le dimissioni contestuali di sette consiglieri. Nei prossimi giorni sarà adottato il provvedimento di scioglimento del Consiglio comunale. Le elezioni anticipate si terranno in primavera. Il giorno 22 novembre 2008 – E’ stato assegnato al poeta Cerrese il premio alla carriera per i suoi cinquant’anni di costante impegno nel campo della cultura. La premiazione ha avuto luogo durante la manifestazione svoltasi a Santa Elia Fiumerapido (FR) Fonte @altromolise  

 

Condividi questo post

No votes yet.
Please wait...